STUDIO ADELMO GABRIELI

Dottore Commercialista - Revisore Legale dei Conti


BRESCIA - Via S. Zeno, 34 - Telefono 0365/951124 - Cell. 338/2731203  - E-mail: contatti@studiogabrieli.com


 

 

Home page

Profilo

Studio

Servizi

Prezzi e tariffe

Contatti

 

Spese alberghiere e di ristorazione

La disciplina delle spese alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande è stata profondamente modificata dall'art. 83, commi da 28-bis a 28-quinques del D.L. 25/06/2008 n. 112, convertiti con legge 06/08/08 n. 133.

 

Disciplina IVA

Soppressa la previsione di indetraibilità oggettiva delle prestazioni alberghiere e di ristorazione.

Con decorrenza 01/09/2008, le spese per le prestazioni in esame sono detraibili (art. 83, co. 28-ter, D.L. 112/08 conv. da L. 133/08), purché inerenti l'attività di impresa, arte o professione esercitata dal soggetto passivo, secondo i criteri generali di cui all'art. 19 D.P.R. 633/72 e purché documentate da fattura.

Restano indetraibili le spese di rappresentanza, le spese sostenute dalle agenzie di viaggio e le spese per il trasporto di persone.

 

Disciplina Imposte Dirette

A partire dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31/12/2008; (per i soggetti con esercizio solare, a partire dal 01/01/2009) la soglia di deducibilità delle spese relative ad alberghi e ristoranti passa dal 100% al 75%.

A differenza di quanto previsto in termini di detrazione IVA, per la quale è necessaria l'emissione di fattura, a norma dell'art. 3, co. 1, D.P.R. 696/96, oltre alle spese documentate da fattura, sono deducibili le spese documentate da scontrino fiscale "parlante" e quelle documentate da ricevuta fiscale "integrata".

 

Reddito di lavoro autonomo.

Il D.L. 112/08 ha modificato l'art. 54, co. 5, D.P.R. 917/86 introducendo un ulteriore limite di deducibilità alle spese in esame.

 -  Le spese di vitto e alloggio, da interamente deducibili nella misura del 2% dei compensi percepiti, divengono deducibili nella misura del 75% del loro ammontare.

 - Le spese di rappresentanza, da interamente deducibili nella misura del 1% dei compensi percepiti, divengono deducibili nella misura del 75% del loro ammontare.

 - Le spese per partecipazione a convegni, congressi e corsi di aggiornamento professionale, da deducibili nella misura del 50%, divengono deducibili nella misura del 75% del loro ammontare; ossia 50% del 75%.

 - Resta invariata la deducibilità delle spese riaddebitate. Restano integralmente deducibili le spese per prestazioni alberghiere o di somministrazione di alimenti e bevande se sostenute dal committente per conto del professionista o riaddebitate dal professionista in fattura al committente stesso.

 - Restano deducibili al 100% le spese di vitto e alloggio sostenute per trasferte effettuate dai dipendenti e dai collaboratori fuori dal territorio comunale per un ammontare giornaliero non superiore ad euro 180,76 per trasferte nel territorio nazionale e ad euro 258,23 per trasferte all'estero.

 

Reddito di impresa

Il D.L. 112/08 introduce modifiche all'art. 109 D.P.R. 917/86 stabilendo che, le spese per prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande diverse da quelle di cui all'art. 95, co. 3, sono deducibili nella misura del 75%.

 - Le spese inerenti all'attività di impresa, integralmente deducibili ex art. 95, co. 3, T.U.I.R. sino al 2008, a partire dal periodo di imposta 2009 sono deducibili nella misura del 75% del loro ammontare.

 - Le spese non inerenti l'attività di impresa rimangono indeducibili.

 - Le spese sostenute per finalità di rappresentanza, sono deducibili a partire dal periodo di imposta 2009 nella misura del 75% del loro ammontare oltre che secondo i criteri che verranno definiti dal DM attuativo.

 - Le spese sostenute per trasferte di dipendenti e di collaboratori nel territorio comunale, rimangono interamente deducibili (100%) nella novellata disciplina.

 - Le spese sostenute per trasferte di dipendenti e collaboratori fuori dal territorio comunale, interamente deducibili ex art. 95, co. 3, D.P.R. 917/86, restano interamente deducibili (100%) ex art. 95, co. 3, T.U.I.R.

Adelmo Gabrieli

Dottore Commercialista

 


ADELMO GABRIELI

Dottore Commercialista - Revisore Legale dei Conti


25124 BRESCIA - Via S. Zeno n. 34

Tel: 030/8371942 - Fax: 030/8371942

Email: contatti@studiogabrieli.com

 

25010 TREMOSINE (BS) - Via M. G. Zanini n. 26

Tel: 0365/951124 - Fax: 0365/951129

Email: contatti@studiogabrieli.com

Studio Adelmo Gabrieli © 2008-2009

Cell.: 338/2731203

P. IVA: 02870960982